UZBEKISTAN: sulla via della seta

Posted on 0 Comments7Tempo di lettura71 visualizzazioni

UZBEKISTAN

Percorrere l’Asia Centrale,seguendo le principali direttrici della “Via della Seta”, è anche un percorso attraverso la storia e la cultura millenaria di questa parte di mondo ove si sono succedute grandi civiltà e imperi: dalla originaria Civiltà delle Oasi a Alessandro Magno, da Gengis Khan a Tamerlano, dalla dominazione zarista all’Unione Sovietica. Oltre che i monumenti, le testimonianze del glorioso passato permangono nelle esotiche atmosfere ancora percepibili: nei bazar chiassosi e colorati, nel groviglio multietnico delle persone che li affollano, nell’ancora vivo e diffuso culto dell’ospitalità

Il tour percorre le tappe più celebri della Via della Seta, sintesi storica e culturale dell’Asia centrale e della sua millenaria civiltà. Khiva, sito di valore universale protetto dall’Unesco, Bukhara, la città santa, magnificamente conservata e dal fascino indicibile, Samarcanda, maestosa e ricca di preziosi monumenti dell’epoca di Tamerlano dalle cupole di turchese

Giovedi 08-10-2015 Italia-Istanbul-Tashken

Partenza da Roma/Fiumicino con il volo di linea Uzbekistan Airways delle ore 11,00 per Tashkent. Arrivo all’aeroporto internazionale di Tashkent alle ore 20,05 (fuso orario +3). Incontro con la guida e trasferimento in hotel ****.

Cena in hotel.

Venerdì 09-10-2015 Tashkent – Urgench – Kiva

Dopo la prima colazione, trasferimento in aeroporto per l’imbarco sul volo interno, diretto ad Urgench, capoluogo della provincia di Khorezm. Arrivo e proseguimento in pullman per Khiva Sistemazione in hotel. Pranzo libero nell’ antico Palazzo Estivo dei sovrani locali La giornata sarà interamente dedicata alla visita di Khiva : a differenza di altre città della Via della seta nell‘Asia Centrale, il centro storico, Ichan Kala, è il più antico e meglio conservato (V sec. a.C.) ed è stato dichiarato “Patrimonio dell’Umanità” da parte dell’UNESCO;con le sue alte mura merlate che proteggono palazzi, moschee, minareti e madrasse costruite in terracotta e decorate con maioliche blu, turchesi e verdi di incredibile bellezza. La visita inizia dalla Porta Ovest Ata Darvaza, dove si trova la statua del grande studioso Al-Khorezmi (Algorithme), fondatore dell’algebra. Tra le strette vie della città, tra botteghe artigiane e bancarelle di sete e tessuti, si visitano la Moschea Djouma (Xe s), la più bella Moschea del Venerdi dalle 213 colonne in legno intagliato; la Fortezza Kunya Ark, residenza dei sovrani locali con la Sala dei Ricevimenti, la Moschea Reale, l’Harem, le Vecchie Prigioni ecc,; il Palazzo Tash Khovli, la seconda residenza dei sovrani di Khiva con l’Harem, la Sala dei Ricevimenti, la Sala del Giudice, un labirinto di stanze sontuosamente decorato; il Mausoleo di Pahlavan Mahmud, poeta, filosofo e lottatore leggendario, Santo Patrono della città, uno dei luoghi più sacri e belli di Khiva; il Caravanserraglio Reale col suo Bazar affascinante. La visita finisce con il Palazzo Estivo Nurullabay. Cena in hotel.

Sabato 10-10-2015 Khiva – Bukhara (450 km )

Dopo la prima colazione partenza in bus per  Bukhara; il percorso attraversa il Deserto del Kyzyl Kum “sabbie rosse” e del Karakum “sabbie nere”, la via che si snoda ai margini del grande letto del fiume Amu Darja, la cui secca offre spettacoli suggestivi di insolita bellezza. Durante il percorso le soste sono previste per il pranzo libero e brevi passeggiate. Si Raggiunge Bukhara, “la perla dell’Uzbekistan” , una delle più antiche città del mondo. Si trova nell’antica e leggendaria oasi che esplode nel cuore del deserto di Kyzylkum, un crocevia delle vie carovanieretra l’India e l’Arabia. Secondo un vecchio adagio “Bukhara è la bellezza  dello spirito”. Cena e pernottamento in hotel.

Domenica 11-10-2015 Bukhara

Prima colazione in hotel. Visita di “Bukhara la Nobile”. La città è situata in un’ oasi del deserto. E’ un centro antico molto importante che in passato costituiva un crocevia delle vie carovaniere tra l’India e l’Arabia. Bukharaè un gioiello architettonico con testimonianze che risalgono al X secolo, quando la città era ancora sotto il dominio samanide. Di questo periodo rimangono due monumenti:il Mausoleo di Ismail Samani, vero gioiello architettonico intatto dall’ 880, il più antico ed elegante edificio dell’Asia Centrale; la Citadella Ark, il cuore della città vecchia, una città nella città con le sue maestose mura, abitata dal V secolo al 1920 quando l’Armata Rossa la saccheggiò. La cittadella è stata residenza ufficiale dei sovrani di Bukhara per più di un millennio.

Pranzo libero in ristorante.

Visita del complesso Poi Kalon; occupa una parte centrale nella città, con il suo imponente minareto del XII secolo, simbolo della città. Quando fu costruito nel 1127, era probabilmente la più alta costruzione dell’Asia Centrale con i suoi 47 m.; la Moschea Kalon o Djami, è la più grande di Bukhara ed accoglie fino a diecimila fedeli; la Moschea Magoki Attori era un antico tempio zoroastriano ed è stata trasformata in moschea.

Visita delle tre cupole Bazar che appartengono all’architettura civile del XVI secolo e ricordano gli antichi negozi e le case dei mercanti; Taki Zargaron (gioiellieri), Taki Telpakfurushon (cappellai), Taki Sarrafon (cambiavalute), gli ebrei di Bukhara.

Sosta ai Quattro Minareti (Chor Minor), uno dei simboli della città, costruito come una copia del Taj-Mahal in India. Infine visita all’atelier dei burattini e rappresentazione.

Serata con spettacolo folkloristico nell’Antica Madrassa Nodir Devon Beghi .

Lunedì 12-10-2015 Bukhara – Shakhrisabz – Samarcanda (180 km+140km)

Dopo la prima colazione, partenza alla volta di Samarcanda, città mitica e leggendaria nell’immaginario popolare, nessun nome richiama di più alla mente luoghi esotici ed immaginari, luoghi desiderati ma inarrivabili, luoghi di indicibile bellezza, luoghi forse esistenti solo in leggende o in scritti di viaggiatori di epoche lontane.

Durante il percorso visitiamo Shakhrisabz che significa “città verde”, città natale di Tamerlano. Gran parte dei luoghi d’interesse sono una sua opera o del nipote Ulughbek. Visita del Palazzo d’Ak Sarai, residenza estiva di Tamerlano,il Complesso Darul Saodat con il Mausoleo Djakhonghir, figlio prediletto di Tamerlano, la Cripta prevista per il corpo di Tamerlano con la tranquilla Moschea e il Complesso Darul Tilovat « casa di meditazione », comprende la Grande Moschea del Venerdi« cupola blu» e il Mausoleo di Gumbazi Saydan con la tomba del Padre di Tamerlano.

Prosecuzione del viaggio attraverso uno scenario di rigogliosi campi e colline, vigneti, cittadine popolose e, case rurali.

All’arrivo a Samarcanda sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

Martedì 13-10-2015 Samarcanda

Samarcanda è città grandissima e nobile dove sono bellissimi giardini e terreni pianeggianti pieni di tutti i frutti che l’uomo può desiderare. Gli abitanti sono cristiani e saraceni. Obbediscono al nipote del Gran Kan non molto amico dello zio e spesso ribelle a lui; anzi, fra loro è di continuo inimicizia e guerra” (Il Milione, Marco Polo).

Dopo la prima colazione, l’intera giornata sarà dedicata alla visita di Samarcanda, città mitica, gioiello d’Oriente, crocevia della Via della Seta.

La visita inizia con la magnifica Piazza Registan, uno dei monumenti più straordinari dell’Asia Centrale, considerato il centro commerciale del medioevo con le tre Madrasse completamente rivestite di maioliche e mosaici di lapislazuli; la gigantesca Moschea Bibi Khanum costruita da Tamerlano per la sua moglie prediletta; il frenetico e variopinto Bazar Siyob. Visita della spettacolare Necropoli Shahi Zinda “la tomba del re vivente” e la strada funeraria che è il monumento più suggestivo di Samarcanda.

Infine visite del Museo Afrosiab; col suo antico affresco del VII sec; l’Osservatorio Ulugbek con il suo strumento astronomico sestante”, che era il più grande del XV secolo. Infine il mausoleo di Gur-e-Amir, dove sotto una bellissima cupola ricoperta interamente d’oro, riposano Tamerlano, due suoi figli e il nipote Ulug Bencon.

Pranzo libero in ristorante tradizionale con spiedini.

Cena in una casa tradizionale con la specialita’ uzbeka “Plov” (vodka e vini inclusi)

Mercoledì 14-10-2015 Samarcanda-Tashkent (300 km,Treno Veloce 2 ore circa)

Dopo la prima colazione, Proseguimento della visita di Samarcanda: il Complesso Imam al Bukhari, mausoleo di un grande dottore dell’Islam e maestro degli Hadiths.

Visita all’atelier dello stilista Romanenko che ci condurrà alla scoperta del mondo magico della seta con una presentazione sul mondo dei colori, della fantasia e delle antiche tradizioni della Via della Seta.

Nel pomeriggio partenza per Tashkent con il treno Afrosiab. Il treno, inagurato da pochi anni, sfreccerà fino a 254 km/h lungo i 344 chilometri che dividono la capitale a Samarcanda .

Il paesaggio è caratterizzato da ampie piantagioni di cotone, una tra le risorse più importanti del paese. Arrivo a Tashkent.

La capitale uzbeka è un’antica città sulla via della seta che correva dalla Cina all’Europa. Poco rimane del suo passato a causa di un terremoto che la distrusse nel 1966 e soprattutto dalla realizzazione in epoca sovietica di un piano urbanistico elaborato dall’occupazione russa all’inizio degli anni 20. Oggi, con i suoi circa 2 milioni di abitanti, è una città tipica dell’Europa Orientale, ricca di monumentali edifici amministrativi, immensi parchi ed enormi condomini.

In serata cena di arrivederci in ristorante tipico.

Giovedì 15-10-2015 Tashkent – Roma

Nelle prime ore del mattino, trasferimento in aeroporto per prendere il volo di linea Uzbekistan Airways per Roma. Arrivo nella prima mattinata.

Quota di partecipazione (10 pax) in doppia €1850,00,00
Supplemento singola € 190,00

Le quote comprendono:

  • biglietto aereo in classe economica con volo di linea Uzbekistan Airways;
  • tasse aeroportuali
  • 7 pernottamenti e prime colazioni in hotel 4 /3 stelle;
  • mezza pensione (acqua minerale e tè compresi)
  • guida/accompagnatore locale parlante italiano dal primo all’ultimo giorno
  • trasferimenti in bus, con aria condizionata, per tutta la durata del tour
  • ingressi ai musei e visite ai siti archeologici
  • Treno Veloce Afrosiab . trasferimenti da/per aeroporto

 

Le quote non comprendono

  • pranzi, bevande, extra in genere, tutto quanto non espressamente indicato
  • mance consigliate da pagare in loco
  • visto consolare tutto quanto non espressamente descritto in “La quota comprende”
  • Assicurazione annullamento/sanitaria (non obbligatoria) € 80,00

 

 

PRENOTAZIONE

Le prenotazioni è obbligatoria e dovrà pervenire entro il 10 agosto e si intenderà confermata mediante il versamento di euro 500,00 al momento della prenotazione.

Il saldo, da versare 20 gg prima della partenza, potrà essere effettuato in contanti o a mezzo bancomat/carta di credito presso la nostra agenzia o con bonifico bancario intestato a: TALAMATA SRL Banca Marche Fil. Di Latina IBAN IT 38 A 06055 14700 000 000 000 676 Causale: saldo viaggio Uzbekistan

 

Lasciaci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Comments Yet.